10.01.2018
07:10
Redazione

Gifuni: "VAR? Non è la stampa a doversi ribellare, ma De Laurentiis! Napoli e Juve dovrebbero giocare in contemporanea"

Il giornalista Gianluca Gifuni è intervenuto ai microfoni di Goal Show, trasmissione televisiva in onda su Televomero. Ecco quanto evidenziato da CalcioNapoli24.it: "Fino a qualche giorno fa era tutto apposto, la polemica è tornata quando l'arbitro non ha utilizzato il VAR. L'arbitro di porta è stato sostituto dal VAR, c'è un elemento in più: le immagini che basta andare a vedere.

Sulla sosta settimanale: "Il timore di Sarri è giustificato, De Laurentiis a luglio disse che avrebbe pagato dei bonus per evitare queste soste. I giocatori del Napoli rientreranno 24 o 36 ore prima rispetto alle altre squadre, cioè sabato. Invece la Juventus riprende martedì. Non c'è un dirigente che possa suggerire. Napoli e Juventus si giocano lo scudetto, se fra 8 giornate la situazione dovesse essere ancora questa, una mente normale dovrebbe partorire di farle giocare sempre in contemporanea.

Su Jorginho:

"Quando arrivò Sarri mise in dubbio Callejon, infatti era nella lista dei partenti però Sarri da subito capì che poteva rientrare nei suoi schemi. Si accorse che è un calciatore fondamentale, gli ha dato uno scettro in mano. De Laurentiis vuole clonarlo.

Sul VAR: "Ci sono degli arbitri, Calvarese e Irrati, che non hanno mai usato il VAR per presunzione. Queste due settimane credo che siano decisive, la Juventus è individuata come anti-Var, come Calvarese, uguale complotto contro il Napoli. De Laurentiis ne dovrebbe parlare nelle sedi opportune, io vorrei capire come si può sperare che la stampa napoletana denunciando queste cose potrebbe cambiare nel palazzo, se De Laurentiis è in una posizione ambigua in quanto Agnelli ha portato a bordo dell'ECA anche De Laurentiis. Interpretando più arbitri e due falli di mano, c'è una differenza abissale. Mertens è coperto dal primo palo e braccio interno, Bernardeschi ha il braccio esterno visibile dall'arbitro". 

Diventa subito Fan di CalcioNapoli24 e seguici su Facebook!