06.10.2018
22:20
Redazione

Cm.it - I cinque motivi per cui Ibrahimovic può tornare a vestire la maglia del Milan

E' la voce di calciomercato che ha catalizzato questa settimana calcistica: Zlatan Ibrahimovic potrebbe tornare a vestire la maglia del Milan, ora gestito dal fondo Elliott. Un'eventuale trattativa in stile Galliani durante l'era Berlusconi, che fa sognare i tifosi e che non è poi così remota rispetto a quanto si possa pensare. Ci sono 5 motivi per credere in Ibrahimovic-Milan capitolo due:

- Il Milan ha bisogno di una punta. Lo si è visto nelle ultime giornate con l'assenza di Gonzalo Higuain, i rossoneri hanno la coperta corta in attacco, se uno fra il Pipita e il giovane Cutrone sono fuori, spuntano i problemi per mister Gattuso, costretto a schierare formazioni d'emergenza. In questo contesto, Ibrahimovic darebbe nuova linfa alla fase offensiva e soprattutto qualità e certezze.

- Ibra è molto legato al club rossonero. Il campione svedese, attualmente ai Los Angeles Galaxy, ha sempre manifestato il suo apprezzamento per la società milanese, senza nascondere una sorta di nostalgia.

- La famiglia e Mino Raiola. Le persone care all'ex giocatore di Barcellona e Manchester United, hanno sempre fatto capire il loro apprezzamento verso la città di Milano e il Milan. La moglie di Ibrahimovic infatti, potrebbe accettare di buon grado un ritorno nel capoluogo lombardo, e Raiola, come ha anche affermato, dopo i dissapori con la proprietà cinese, è pronto alla pace.

- Il costo (non elevato) del suo arrivo. L'operazione Ibrahimovic-Milan bis, potrebbe non gravare così tanto nelle casse della società rossonera e restituire appeal al club che ha come presidente Paolo Scaroni. Il cartellino dello svedese, ormai 37enne, non è una cifra impossibile da pagare, mentre il discorso è diverso per l'ingaggio, che potrebbe però essere in parte compensato con il merchandising proveniente dal suo arrivo.

- Il feeling con Gattuso. Gennaro Gattuso e Zlatan Ibrahimovic sono stati molto legati ai tempi in cui erano compagni di squadra, e il feeling fra due personalità così vulcaniche è potenzialmente una bomba per il campionato. Per una squadra come il Milan, a caccia della qualificazione in Champions League, un sodalizio fra due generali di questo tipo, sarebbe fondamentale.

Fonte : calciomercato.it