28.09.2018
19:00
Antonio Anacleria
Soler col Valencia

I 5 motivi per comprare... Carlos Soler: il preciso esterno che gioca alla Ancelotti

Il Napoli di Ancelotti pare essere definitivamente cambiato, con il 4-3-3 che è mutato in un solido e, numeri alla mano, più funzionale 4-4-2, con Insigne a fare la seconda punta dietro a Milik o Mertens. Nuovi ruoli quindi per Callejon, che arretra sulla linea del centrocampo, e Simone Verdi, diventato ora esterno di sinistra, insieme a Zielinski. Ecco dunque che cominciare a pensare al futuro, a giocatori giovani e promettenti che già giocano secondo questo modulo, potrebbe essere una mossa vincente. Oggi, come ogni giovedì sera, ne “I 5 motivi per” parleremo di un calciatore che potrebbe essere utile al Napoli, nel breve e nel lungo periodo. Il protagonista di oggi, alla luce di quanto appena detto, è Carlos Soler del Valencia.

ECCO I 5 MOTIVI PER COMPRARE SOLER

  • Duttilità. Centrocampista centrale, trequartista ed esterno di centrocampo o di attacco. Questo giovane calciatore spagnolo riesce a contribuire alla manovra ed all’obiettivo della squadra in ogni posizione avanzata del campo, risultando sempre efficiente ed efficace.
     
  • Esperienza. Malgrado appena 21enne, Soler vanta già una discreta esperienza. Diverse presenze in Europa League ed in Champions League, nonché tante apparizioni in Liga ed in Copa del Rey. Perno del Velencia, si è fatto strada anche nelle fila della Spagna U21, con la quale vanta 8 presenze ed un gol.
     
  • Tiro dalla distanza. Il suo tiro è ormai ben conosciuto tra i portieri della Liga, che spesso sono chiamati agli straordinari per disinnescare le bombe che lascia partire con un movimento perfetto del corpo da grandissima distanza. Esplosivo e molto preciso, sa calciare perfettamente da qualsiasi distanza.
     
  • Ambidestro. Preciso e sempre nel cuore dell’azione, le sue giocate diventano incredibilmente imprevedibili grazie all’uso che fa di entrambi i piedi. Naturalmente destro ma molto preciso anche col mancino, il classe 1997 trova sempre un modo per aprire il gioco e manovrare i compagni.
     
  • Visione. Il modo con il quale serve i compagni, ora con pallonetti a scavalcare la difesa, ora con filtranti insidiosi che tagliano le linee nemiche, giustificano la stima e le attenzioni che sta attirando su di sé. Per ora è già a due assist, ma è un numero destinato a crescere.

CLICCA SUL VIDEO IN ALLEGATO PER LE SUE GIOCATE OPPURE CLICCA  QUI PER L'EPISODIO PRECEDENTE

di Antonio Anacleria - Twitter: @NinoAnacleria

©RIPRODUZIONE RISERVATA