17.08.2017
12:00
Redazione

IL GIORNO DOPO Napoli-Nizza... la costante stonata, le voragini a centrocampo ed il briciolo di rammarico

Il giorno dopo Napoli – Nizza. Al S.Paolo e in Fuorigrotta tutta ancora riecheggia l’eco dell’urlo “ The Champions “. E i gradoni dello stadio ancora tremano. Il Napoli regola il Nizza con secco due a zero all’inglese. Certamente un buon risultato in vista del ritorno. L’imperativo era soprattutto non subire goal: missione compiuta. Resta un briciolo di rammarico perché il risultato sarebbe potuto essere ancora più rotondo.

Il giorno dopo Napoli - Nizza. Sarri per la prima partita importante della stagione si affida alla vecchia guardia. Manda un messaggio ai nuovi e forse non soltanto a loro. Nessuna novità nell'undici titolare. Il mercato di quest'anno si accomoda in tribuna e quello della scorsa estate in panchina.

Il giorno dopo Napoli - Nizza.  E la vecchia guardia non tradisce.  Dopo uno spavento iniziale,  gli azzurri cominciano a macinare gioco e le occasioni fioccano anche se purtroppo, si continua a sprecarne qualcuna di troppo. Non da Callejon le due clamorose palle goal fallite da sotto misura. Nel mezzo il millimetrico lancio di insigne per l'ennesima prodezza di Mertens.  Controllo a seguire,  portiere aggirato e di sinistro a gonfiare la rete della porta ormai sguarnita. Il belga ricomincia da dove aveva finito. Al momento è impensabile tenerlo fuori.  

Il giorno dopo Napoli - Nizza.  Sulle ali dell'entusiasmo gli azzurri premono sull’acceleratore. Qualche leziosita' di troppo e una gran parata dell’estremo difensore francese negheranno il raddoppio agli uomini di Sarri. Fortunatamente il famoso “ goal sbagliato, goal subito “, non si verifica e il vantaggio di misura reggerà fino all’intervallo anche perché i transalpini non approfitteranno di alcune voragini lasciate a centrocampo dal duo Allan-Jorginho, autori di una buona gara, ma spesso fuori posizione e in ritardo su alcune chiusure. In questo periodo ci può stare. La condizione non è ottimale.

Il giorno dopo Napoli - Nizza. Nella ripresa sarà Insigne ad imitare Callejon. Anche per lui due importanti palle goal. In una occasione lui e il palo troverà il modo di centrare il legno. Nell'altra si divorerà un rigore in movimento.  Il rigore vero lo realizzerà Jorginho con grande freddezza. A volare per le terre nell’area francese, un imprendibile Mertens.

Il giorno dopo Napoli - Nizza. Al minuto 78 l’episodio che avrebbe potuto chiudere già ieri sera il discorso qualificazione. I francesi rimediano due rossi in contemporanea. Per il Napoli l’occasione per archiviare la pratica. 12 minuti più cinque di recupero con ben due uomini in più. Putroppo, al termine di una bellissima azione rifinita per ultimo da Callejon, Milik troverà il modo di fare “meglio”, dei suoi compagni di reparto Insigne e Callejon. A porta praticamente sguarnita, non riuscirà a buttarla dentro. Peccato.

Il giorno dopo Napoli - Nizza. Nel complesso un gran bel Napoli. Per un secco due a zero, alla vigilia avrebbero firmato in tanti se non tutti. Ai francesi ha lasciato pochissimo e Reina neanche ha sporcato i guanti. Qualche elemento è ancora non al top della condizione, ma è normale, si è a metà agosto. Unica nota stonata, la costante delle tante occasioni fallite. Oggi avremmo tranquillamente potuto scrivere di un secco cinque a zero e il turn over Sarri l’avrebbe fatto a Nizza e non com’è presumibile a Verona sabato prossimo.

Stefano Napolitano

Diventa subito Fan di CalcioNapoli24 e seguici su Facebook!