04.01.2018
20:10
Manuel Guardasole

Un'occasione irripetibile...

Grassi, Regini, Gnahoré, Pavoletti e Leandrinho. Sono questi gli acquisti delle due precedenti sessioni di calciomercato invernali dell'era Giuntoli - SarriNapoli. Al presidente azzurro, Aurelio De Laurentiis, è stata spesso criticata la scelta di non operare sul mercato di gennaio per mettere a disposizione del tecnico azzurro rinforzi per provare a vincere lo scudetto. Soprattutto nel gennaio della stagione 2015/16, quando gli azzurri si sono laureati campioni d'inverno non riuscendo poi a vincere il tricolore, facendosi rimontare dalla Juventus (fatale fu la sconfitta a Torino con gol di Simone Zaza nello scontro diretto al vertice).

Adesso non si può e non si deve commettere lo stesso errore: il Napoli deve rinforzare la rosa considerata corta, soprattutto a causa dei pesanti infortuni di Milik e Ghoulam, che di fatto tolgono un'alternativa seria al tridente azzurro e agli esterni di difesa. Resta quindi un ruolo maggiormente scoperto, soprattutto considerando il fatto che con questi due rientri Sarri potrebbe ritrovare, anche se serve avere pazienza, due titolari aggiunti: un calciatore che possa avvicendarsi sia con Lorenzo Insigne che con Josè Maria Callejon.

VERDI - NAPOLI, L'AFFARE PERFETTO

Il nome perfetto è quello di Simone Verdi, un affare da non farsi sfuggire e da chiudere assolutamente a gennaio. Probabilmente in passato non si è mai avuta un'occasione del genere, considerando che il mercato invernale è solitamente di 'riparazione' ed è difficilissimo acquistare grossi nomi. Questa volta però De Laurentiis ha un'occasione irripetibile: con 25 milioni si accontenta il Bologna e gli azzurri di fatto non hanno concorrenza, poichè l'unica squadra interessata, al momento, per il 26enne italiano oltre al Napoli è l'Inter. I nerazzurri però non possono acquistare a queste cifre, ma soltanto fare affari in prestito con diritto di riscatto. Lo stesso Spalletti in conferenza stampa ha chiuso al suo arrivo: "Non possiamo permettercelo".

Simone Verdi rappresenta l'acquisto perfetto per gennaio: sarebbe di fatto un titolare aggiunto, che consentirebbe a Maurizio Sarri ben tre nuove alternative. La prima sarebbe quella di avere un titolare in panchina da utilizzare a gara in corso, la seconda sarebbe di poter tornare in alcune occasioni al 4-3-1-2, ruolo che proprio l'attaccante del Bologna ha fatto ai tempi di Empoli con Sarri

in panchina. L'ultima alternativa sarebbe quella di schierare un 4-2-3-1 superoffensivo con tutti in campo: Insigne-Verdi-Callejon dietro Mertens, che con il rientro di Milik o con l'arrivo di Inglese darebbe all'allenatore campano diverse alternative. E Sarri l'ha già ammesso: prima dell'infortunio del polacco, stava lavorando a quest'alternativa tattica.

L'attaccante ha inoltre altre caratteristicheche fanno al caso del Napoli:

  • è forse il più ambidestro della Serie A, lo dimostrano i calci d'angolo battuti per il suo Bologna con entrambi i piedi. Ma a impressionare è stata la doppietta su punizione al Crotone: su calcio da fermo, battè Cordaz prima di sinistro e poi di destro per il 2-0;
  • il Napoli avrebbe finalmente quindi un tiratore dei calci da fermo, che ha inoltre nelle sue corde anche il tiro dalla distanza, potente e preciso;
  • è un calciatore di sacrificio, che può fare il lavoro sporco richiesto da Sarri ai suoi due esterni d'attacco e così il tecnico avrebbe il degno sostituto, anche per applicazione difensiva, di Josè Callejon;
  • è un profilo anche prospettico: ancora giovane, può emergere e crescere, diventando uno dei migliori calciatori italiani. A fine stagione un ciclo potrebbe concludersi in azzurro, con un ricambio massiccio di calciatori e il Napoli prendendolo anticipando di 6 mesi un acquisto che servirà anche in estate;
  • ha già lavorato con Maurizio Sarri"Due anni insieme, ad Empoli. Lo posso dire: è il mio maestro, cioè, è l'allenatore che mi ha fatto fare il primo salto di qualità", ha dichiarato l'attaccante lo scorso settembre.

Resta solo da convincere Simone Verdi: l'offerta del Napoli può far cedere il Bologna, mentre l'attaccante italiano vorrebbe terminare l'annata in Emilia-Romagna e poi scegliere il suo futuro, per terminare la stagione che già gli ha portato 6 gol e 5 assist senza rischiare di far troppa panchina in azzurro. Il Napoli di De Laurentiis però ha un'occasione irripetibile: rinforzare la squadra con colpi mirati a gennaio, convincendoli anche dal punto di vista psicologico (venire a Napoli per conquistare un trofeo), per fermare l'egemonia della Juventus e vincere lo scudetto. Non c'è più tempo per rimandare, il ciclo di Sarri potrebbe concludersi a fine stagione ed è questo il momento di spingere sull'acceleratore, anche sul mercato, per concludere senza rimpianti.

di Manuel Guardasole - @MGuardasole

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Diventa subito Fan di CalcioNapoli24 e seguici su Facebook!