Corsera - Non è colpa di Insigne se storciamo il naso, ma nel calcio guardare indietro è divertente

06.07.2021
15:30
Redazione

Insigne all'europeo

Napoli -  L'edizione odierna del Corriere della Sera ritaglia ampio spazio all'Europeo sin qui disputato da Insigne. Dal quotidiano si legge:

Gli spagnoli annuiscono e dicono che Insigne è il nostro calciatore di maggior classe. Hanno ragione (probabilmente). Però le nostre facce sono sempre un filo di circostanza. Il fatto è che in quella zona del campo, con quei compiti, abbiamo spesso avuto dei fuoriclasse. Baggio, Totti, o anche Del Piero e Cassano. E prima di loro Bearzot si prendeva il lusso di lasciare a casa Beccalossi. E prima ancora uno come Mariolino Corso, con quel sinistro

miracoloso, aveva giocato in Nazionale solo 23 volte. Siamo sempre stati abituati bene. Non è colpa di Insigne. Ma, inevitabilmente, è un suo problema. Il calcio vive di paragoni. Se nella vita guardare indietro è un errore, nel calcio è divertente. Mancini non lo fa. Un po’ perché non è il tipo, un po’ perché non può permetterselo. Sa che Insigne è il meglio che può avere da quella parte, in quel ruolo. E non l’ha mai messo in discussione (in attacco, l’unico ad avere questo privilegio: Immobile ha l’ombra di Belotti e persino di Bernardeschi, come falso nove; a destra, vediamo se contro la Spagna Chiesa s’è davvero ripreso la maglia).

Notizie Calcio Napoli