L'ex arbitro Boggi: "Una vergogna dell'Aia tenere Giacomelli e dismettere Manganelli!"

28.10.2020
03:00
Redazione

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show è intervenuto Robert Boggi, ex arbitro internazionale:

"Ci sono voluti 10 anni per riunire CAN A e CAN B, ci vorranno altri 10 anni per fare una scelta meritocratica. Il Presidente della sezione di Trieste è uno dei più grossi elettori di Nicchi ed Manganelli mandato a casa e si tengono Giacomelli. L'Aia non si vergogna a mandare a casa Manganelli che è stato internazionale fino a dicembre ed a tenersi Giacomelli? Ma non si vergognano? Ci mettono 10 anni a risolvere un problema: nel protocollo è così, l'arbitro ha preso una decisione. Sono convinto che l'AIA

è un'anomalia nel mondo, non mi fido di questa classe dirigente. Chi manda a casa Manganelli e si tiene Giacomelli non può andare avanti. Nel resto d'Europa non si vedono cose che si vedono in Italia. L'errore è stato commesso da Nasca al Var, a meno che Giacomelli non ha detto "Ho visto io". Nel rugby si sentono le comunicazioni, è un gioco intelligente. Se sei uno stupido, al rugby non giochi: al calcio, se sei stupido puoi giocare. Un confronto con la stampa a fine partita? Certo, lo fece il grande Concetto Lo Bello. Ma, lo vogliono le società, lo vuole l'associazione? Forse no: parlare anche degli errori non c'è nulla di male".

Notizie Calcio Napoli