Coronavirus, Napoli-Barcellona non è a rischio per il momento: controlli su Messi e compagni all'arrivo a Capodichino

24.02.2020
11:50
Redazione

Coronavirus Napoli Barcellona, al momento non c'è il rischio che si rinvii il match. Messi e compagni controllati al loro arrivo a Capodichino

Ultimissime calcio Napoli - Come riporta Il Mattino, il Napoli è tornato nelle ultime ore da Brescia, dove in quelle zone è scattato l'allarme Coronavirus. A Castel Volturno non ci sono situazioni che preoccupano. Il Napoli già da 8 giorni, ancor prima dell’allerta, aveva iniziato ad applicare il protocollo del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di sanità. Lo staff medico ha fatto una serie di inviti ai giocatori: lavarsi con maggiore frequenza le mani, evitare di bere dalla stessa bottiglia d’acqua e così via. Intanto, non sono previste riunioni in prefettura legate allo svolgimento di Napoli-Barcellona. E ieri pomeriggio, il sindaco De Magistris, senza far riferimento al match di domani sera, ha spiegato che

«a chi utilizza l’argomento della sospensione di alcune partite della serie A come attacco alle nostre decisioni amministrative, faccio presente che le partite in questione sono state annullate in quanto si sarebbero tenute nelle regioni in cui si sono presentati casi di persone infette. Al momento, nella nostra regione, non si sono verificati casi. Nella malaugurata eventualità accadesse, adotteremo tutte le cautele richieste e imposte scrupolosamente».

Insomma, allerta massima, ma nessuna situazione di panico che possa spingere a decisione drastiche. Non dovrebbero esserci restrizioni per i tifosi catalani che saranno poco meno di 1500. Sui calciatori catalani verranno effettuati dei controlli medici all’arrivo a Napoli. È una prassi che l’aeroporto di Capodichino ha introdotto già da due settimane per tutti i passeggeri dei voli che provengono da fuori Italia e per quelli in arrivo da Roma: un controllo della temperatura.

Notizie Calcio Napoli