Salisburgo, Ulmer scherza: "Spero che il Napoli sia protagonista in Europa League! Azzurri forti, ma il Liverpool di più..."

04.11.2019
08:50
Redazione

Il capitano e terzino sinistro del Salisburgo, Andreas Ulmer, commenta Napoli-Salisburgo alla vigilia della gara Champions

Andreas Ulmer, capitano e terzino sinistro classe 1985 del Red Bull Salisburgo, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni del Corriere del Mezzogiorno a poche ore dalla gara di Champions League:

Contro il Salisburgo Mertens ha raggiunto e superato Diego Armando Maradona. Cosa ne pensa dell’attaccante belga?

«Mertens è un giocatore molto intelligente, forte tecnicamente e agile. È in grado d’inventare gol da posizioni difficili, come ha fatto a Salisburgo, senza che gli sia concessa la chiara possibilità di segnare. A causa della sua agilità è molto difficile marcarlo, difendere contro di lui, leggere nei tempi giusti i suoi movimenti. Non mi meraviglia che abbia segnato così tanti gol con la maglia del Napoli»

Contro il Napoli avete perso in casa dopo ben settanta partite complessive e diciannove in Europa. Che cosa è successo? Che analisi avete fatto della gara nello spogliatoio?

«Penso che abbiamo giocato abbastanza bene, il Napoli non ha avuto tante occasioni da gol ma a loro basta poco, non hanno bisogno di tante opportunità per andare a segno. In alcuni momenti della partita non abbiamo attaccato nel modo giusto, in questo contesto ciò fa

la differenza. È emersa la combinazione tra la qualità che ha messo in mostra il Napoli e alcuni nostri errori di superficialità. È la nostra prima stagione in Champions League, dobbiamo imparare in fretta che la qualità delle squadre che partecipano a questa competizione è molto alta».

Ha affrontato sia il Liverpool che il Napoli, cosa ne pensa di queste due squadre? Dove può arrivare a suo avviso la squadra di Ancelotti in Cham pions League?

«Entrambe le squadre sono davvero forti, hanno molto da dire sul terreno di gioco e a mio avviso possono essere inserite tra i livelli più alti del palcoscenico europeo. È impressionante la qualità non solo dei titolari, o meglio di quelli che compongono l’undici di partenza ma anche di coloro che subentrano dalla panchina. Il Liverpool, secondo me, in più ha l’esperienza di due finali di Champions League di cui una vinta proprio nella scorsa stagione. Se non hai una squadra straordinaria, non riesci a giocare due finali consecutive e soprattutto non vinci la coppa».

Dove può arrivare il Napoli?

«Io mi auguro che possa essere protagonista in Europa League perché ciò significherebbe che noi andremmo avanti in Champions League. Ovviamente sto scherzando (ride, ndr)».

Notizie Calcio Napoli