Ferlaino ricorda Boniperti: "Ci scontrammo per la UEFA dell'89 e per la monetina di Alemao! Mi chiamò infuriato, disse che 'certi scherzi la Juventus non li poteva tollerare'"

19.06.2021
17:15
Redazione

Ferlaino ricorda Boniperti

Napoli Calcio - Corrado Ferlaino, ex presidente del Napoli, ricorda l’ex Juventus Gianpiero Boniperti dopo la sua scomparsa in un’intervista a Il Mattino.

Ingegnere Ferlaino, c’era grande rivalità?

«Sì, ma scontri con lui solamente due volte. La prima dopo la vittoria in Coppa Uefa quando al San Paolo abbiamo ribaltato il 2-0 dell’andata. Mi chiamò infuriato, dicendo che “certi scherzi la Juventus non li poteva tollerare e che non li avrebbe mai più tollerati”. Io non so neppure a quale scherzo si riferisse ma forse al fatto che Renica aveva segnato all’ultimo minuto dei tempi supplementari... Devo dire che

rimase assai freddo con me»

E la seconda volta?

«Nell’aprile del 1990, per l’episodio della monetina di Bergamo e la nostra vittoria a tavolino. Un altro po’ era più nervoso lui che quelli del Milan, che pure erano nostri avversari diretti nella corsa allo scudetto. In Consiglio federale prese una netta posizione contro di noi ma io che ci potevo fare se quella era la norma? Poi fu cambiata anche su sua insistenza»

Lo ha mai ringraziato per non aver preso Maradona?

«Non ho avuto mai modo di chiedergli se fosse vera la leggenda che lui non ritenesse Diego all’altezza della Juventus. Non è che me ne importasse poi tanto e in fondo avrei solo dovuto dirgli grazie»

Notizie Calcio Napoli