Gavillucci

L'ex arbitro Gavillucci: "Orsato non ha avuto paura di ammonire Pjanic, parlare prima avrebbe chiuso tutto da tempo"

01.03.2021
20:50
Redazione

L'ex arbitro Gavillucci parla del caso Inter Juve con Orsato

Serie A - A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Claudio Gavillucci, ex arbitro.

"Arbitri in tv? Sin dal momento in cui sono stato dismesso ho portato avanti questa battaglia. E' un primo punto, bisogna che ci lavorino tutti perché bisogna trovare un punto d'incontro. L'intervento degli arbitri non dev'essere solo sporadico ma deve avere un secondo fine di insegnamento. Prima mancava la volontà di fare una cosa del genere, ci si nascondeva dietro a un dito. Questo non toglie che gli arbitri continueranno a sbagliare ma almeno si toglieranno dei retropensieri che poi non c'entrano nulla con il calcio.

Secondo me ieri Orsato ha spiegato perfettamente ciò che noi arbitri abbiamo immaginato. Sappiamo che non sempre la vicinanza dà la prospettiva migliore per valutare i contatti, specialmente nei contrasti aerei. I contrasti possono essere fischiati ma non per forza con ammonizione. In quel caso l'ammonizione ci stava. Se questa spiegazione fosse arrivata il giorno dopo o la

settimana successiva non si parlerebbe del tema con questa animosità. Sarebbe stato bello - come ha fatto ieri Orsato - che al termine della gara o dopo qualche giorno si fosse accertato che si trattava di un errore.

Ci può essere un contrasto aereo normale con spinta energica, un fallo da giallo come nel caso di Pjanic in cui con il braccio e il ginocchio colpisce in maniera imprudente. Poi c'è l'espulsione quando si carica il colpo contro la schiena dell'avversario. Ci sono i tre step. Lui ha valutato l'intensità non nella maniera giusta. Ha avuto paura di ammonire Pjanic? Non è così ma se così fosse stato allora un arbitro dovrebbe appendere le scarpette al chiodo. Un arbitro non si può permettere di avere il timore di fischiare qualcosa. Non credo che sia questo il motivo però. Anche a me è capitato di non accorgermi di qualcosa perché ero troppo vicino all'azione.

Ritorno in AIA senza Nicchi? Devo capire innanzitutto se mi verrà restituita la tessera, già questo sarebbe un primo passo. Poi però ci sono altre cose da valutare. Se tornassi, tornerei solo per amore dell'associazione o come VAR".

Notizie Calcio Napoli