La Juventus chiarisce la sua posizione sul caso Suarez: "Non abbiamo organizzato noi l'esame"

14.10.2020
19:50
Redazione

Caso Suarez, la Juventus chiarisce la posizione

Serie A - "La Juventus non ha organizzato l'esame di Luis Suarez. Non sussiste nessun rischio di responsabilità per la Società". E' questa una delle risposte fornite dal club bianconero in relazione alle domande poste dall'azionista Marco Bava in vista dell'importantissima Assemblea degli Azionisti di domani e pubblicate sul sito ufficiale della stessa Juventus. La società risponde a diversi dubbi che le vengono posti, come ad esempio sul contenuto riportato per iscritto di alcune intercettazioni che sarebbero intercorse tra la Juventus e l'Università di Perugia - dove poi l'attaccante ha sostenuto l'esame per ottenere il passaporto italiano. "Le frasi riportate non corrispondono al contenuto delle telefonate. Sono frutto di un racconto distorto effettuato improvvidamente da personaggi tenuti all'osservanza del

segreto istrutturio".

Un concetto ribadito a più riprese: "L'indagine è in corso ed è coperta dal segreto istruttorio come più volte ribadito dal Procuratore di Perugia Dott. Cantone. la società è del tutto estranea alla vicenda dell'Esame di Luis Suarez, esame che il giocatore ha deciso autonomamente di affrontare nonostante la Juventus avesse già comunicato a lui e pubblicamente, la volontà di non tesserarlo".

E' vero che i tre avvocati della società - Chiappero, Turco e De Blasi - sono stati sentiti dai pm in qualità di testimoni informati sui fatti? Questa un'altra domanda posta dall'azionista Bava al quale la Juventus risponde: "Gli avvocati della Juventus sono stati ascoltati in qualità di testimoni dal procuratore di Perugia e hanno chiarito la completa estraneità di Juventus rispetto alla vicenda dell’esame di Luis Suarez".

Fonte : tuttomercatoweb
Notizie Calcio Napoli