Scontri Inter-Napoli, lungo interrogatorio per l'autore dell'audio su Whatsapp. Il legale chiarisce: "Mio assistito estraneo ai fatti"

05.01.2019
17:30
Redazione

Si è presentato spontanemanete alla Questura di Napoli il tifoso autore dell'audio su Whatsapp mandato in onda da Canale 21. Nella nota vocale si fa riferimento ad un'aggressione dei napoletani ai danni dei tifosi dell'Inter. Il tifoso resta anonimo ed è assistito dal legale Emilio Coppola. Dopo ben sette ore di interrogatorio l'uomo è apparso molto provato. A tal proposito l'avvocato Coppola ha rilasciato alcune dichiarazioni. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli24.it:

"Abbiamo deciso di venire di nostra spontanea volontà per chiarire la posizione. Il mio assistito è estraneo ai fatti, nell'audio fa riferimento a cose che ha sentito dire e a cui non ha partecipato. Soprattutto, abbiamo dimostrato che non può essere la sua l'automobile che ha investito il tifoso interista morto. Ora, abbiamo eliminato l'accusa di omicidio volontario e il mio assistito è indagato solo per concorso in rissa. Secondo gli inquirenti dopo l'agguato i napoletani hanno avuto una reazione e hanno aggredito un gruppo di tifosi interisti". 

Le Ultime Notizie