Cristiano Giuntoli

Come nasce il metodo Giuntoli? 13 anni di upgrade

21.09.2022
10:30
Bruno Galvan

Il metodo Giuntoli non nasce nel 2022 con Kim e Kvara. Il direttore sportivo sono ben 13 anni che porta in dote tante qualità

Nel 2022, con qualche anno di ritardo (usiamo un eufemismo), Napoli e l'Italia si sono accorti del metodo Giuntoli nella scelta dei calciatori. Oggi basta aprire i giornali  per leggere elogi ed anche supercazzole, se vogliamo dirla tutta, sulla bravura del diesse del Napoli. Molti di quelli che ora esaltano l'operato del dirigente azzurro non più tardi di due anni fa ne chiesero la testa perchè reo, per addetti ai lavori ma anche dispensatori di consigli social, di aver portato alla rovina il Napoli causando disastri tecnici e soprattutto economici. 

Il metodo Giuntoli non nasce con i Kvaratskhelia, Kim o altri. Bisogna riavvolgere il nastro ed andare indietro di 13 anni quando Bonacini decise di affidarsi a questo diesse giovane e sconosciuto che di fatto si apprestava alla sua prima vera esperienza. Il primo acquisto voluto dal rampante Cristiano non portò i frutti sperati tanto che il patron pensò ancora una volta di aver sbagliato. Dopo fu un successo dietro l'altro con promozioni storiche e plusvalenze con calciatori arrivati a giocare in serie A.

Cristiano Giuntoli
Cristiano Giuntoli

Il colpo Kvara è nel DNA di Giuntoli. Quando era a Carpi con Castori, in una delle tante cene fatte in pieno centro città, si parlava come sempre di calcio e su come rafforzare la squadra. Tra una chiacchierata e l'altra, spunta il nome di un calciatore idoneo per essere portato in Emilia. La cena finisce nel cuore della notte. Tutti i protagonisti tornano a casa per poi riprendere il discorso domattina in sede. Alle 3 di notte Giuntoli chiamò Castori per dargli tutti i dettagli tecnici del futuro colpo: "Ascoltami Fabrizio, questo ragazzo ha questa percentuale di palloni recuperati, assist e gol. Qualche anno fa, al minuto 70, ha cambiato ruolo...". Insomma un report dettagliato nel cuore della notte. Questa dote, per molti follia, ancora oggi ce l'ha. Guai se spegni il cellulare di notte. Il giorno dopo sono dolori...

Il metodo Giuntoli chiaramente si è evoluto con i tempi. Lui però già anni fa, quando non c'era Wyscout, mandava i suoi collaboratori con la telecamera nelle gare 'anonime' delle province italiane. Un giorno chiese di andare a seguire un certo Kevin Lasagna. Gli arriva il filmato, ma Kevin gli esce sempre fuori inquadratura quando accelera. Giuntoli inizialmente si arrabbia perché non riesce a vederlo, poi capisce che era impossibile: "Questo qui va talmente veloce che non riesce a stare nell'inquadratura". Morale della favola? Lasagna viene preso dall'Este e porta il Carpi in A. 

Oggi tutta Italia ha scoperto magicamente che a Napoli c'è un fuoriclasse. Uno che viene dalla gavetta e che non ha utilizzato scorciatoie per essere lì dove sta. Il budget non è mai stato un problema per lui  Alle idee milionarie per le società in cui lavora ha aggiunto altri dettagli tecnologici per evolvere quel 'metodo' che oggi viene studiato in Italia e Europa. Giuntoli è garanzia di upgrade, lo dice la sua storia.  



Tutte le news sul calciomercato Napoli e sul Napoli

RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Calcio Napoli