Luciano Spalletti

Lamentarsi è da sfigati, ma Napoli ancora deve capirlo

08.11.2021
10:30
Bruno Galvan

La lezione di Luciano Spalletti al fischio finale di Verona-Napoli.

Moviole, contro moviole, la discrezionalità sul regolamento e la famosa teoria del complotto. Il Napoli chiude questo ciclo terribile di partite mantenendo la vetta del campionato e recuperando anche la testa del girone di Europa League quando sembrava tutto perduto. Un bottino senza dubbio importante che dà lustro al lavoro che sta facendo Spalletti con i suoi ragazzi. Tuttavia l'ambiente partenopeo ha ripreso nuovamente il vizio, chiamiamolo così, di prendersela con l'arbitro quando non arriva una vittoria. Forse sarà 'colpa' di Luciano che ha abituato fin troppo bene il popolo partenopeo che forse si aspetta 38 vittorie consecutive altrimenti due sono le strade: prendersela con il direttore di gara di turno oppure tirare fuori la polemica contro il calciatore X per farlo diventare capro espiatorio. Una strategia del volersi far male da soli per puro masochismo. Per fortuna in panchina c'è Spalletti, colui che sdoganò la famosa frase "Uomini forti, destini forti. Uomini deboli, destini deboli". Non sempre si può vincere, ci sono anche gli avversari. Il Verona ieri non ha demeritato e bisogna accettarlo senza retropensieri.

Napoli-Verona 1-1, la lezione di Spalletti all'ambiente azzurro

Spalletti, sul discorso arbitrale, è stato spesso punzecchiato dalla stampa. La sua risposta non più tardi di qualche settimana fa fu questa: "A inizio stagione ho detto che lamentarsi è da sfigati ed è così anche per le decisioni degli arbitri che possono sembrarci sfavorevoli". Una frase che dimostra la mentalità vincente di un uomo che non ha bisogno di fare populismo per accaparrarsi la piazza. Quella la si conquista con i punti, il gioco e non con affermazioni fatte o sceneggiate. Anche ieri, Luciano non ha voluto commentare le decisioni di Ayroldi rispondendo in modo chiaro: "Niente alibi, dovevamo fare qualcosa in più noi". Una lezione importante da cui ripartire. In passato per dare alibi a questo organico ci siamo giocati uno scudetto ed una qualificazione Champions. Può bastare no? E' un pareggio, mica la fine del mondo. Lamentarsi è da sfigati, lo ha detto Spalletti, ma Napoli ancora deve capirlo.

Lamentarsi è da sfigati, ma Napoli ancora deve capirlo
Luciano Spalletti

RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Calcio Napoli