Reina: “Un giorno sogno di allenare il Napoli! Gattuso uomo vero, Mertens e Callejon faranno le scelte giuste. Non smetterò mai di ringraziare i napoletani, lo scudetto arriverà!"

30.04.2020
17:50
Redazione

Napoli Calcio - Pepe Reina, portiere del Milan in prestito all'Aston Villa, rivela il sogno di allenare il Napoli in futuro. Poi parla di Gattuso, Mertens e Callejon

Napoli calcio - Pepe Reina, portiere dell’Aston Villa ed ex del Napoli, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE LIVE”:

Reina

Calciomercato Napoli - Le parole di Reina

“Siamo tutti chiusi in casa, in attesa di sapere quando e come potremo tornare in campo, ma in questo momento non è la cosa principale. Bisogna avere rispetto per chi sta combattendo in prima linea contro questo maledetto virus e tantissimo rispetto per le tante persone che ci hanno lasciato. Voglio ringraziare tutti per il sostegno mostratomi, sono stati momenti difficili per me e per la mia famiglia, siamo rimasti isolati per qualche giorno, ma pensando a quante persone non ci sono più, davvero la mia situazione non è nemmeno minimamente paragonabile. Sono stato molto fortunato.

Napoli è sempre un pezzo del mio cuore, è qualcosa che va al di la del calcio, ho tanti buoni amici che tornerò a trovare, ricordando però, anche le cose belle che abbiamo fatto in campo. Speriamo che la situazioni migliori e che torni quanto prima alla normalità, per tornare a vivere tranquillamente, così potrò tornare con la mia famiglia a fare una bella passeggiata sul lungomare di Napoli.

Con tanti miei ex compagni continuo ad avere rapporti, ci siamo rivisti l’ultima volta a novembre, ognuno di loro ha una situazione contrattuale diversa e sicuramente faranno le scelte migliori per tutti. Sinceramente non so cosa hanno deciso, posso soltanto dire loro di seguire anche il cuore, anche se nessuno meglio di Dries o Josè, ad esempio, potrà fare la scelta più giusta. Non smetterò mai di ringraziare i tifosi azzurri per il sostegno che abbiamo avuto e se ci penso c’è sempre un po’ di

nostalgia, così come mi manca la mia Spagna. 

La mia stagione all’Aston Villa, per ora, è stata troppo corta perché, purtroppo, è successo quello che è successo, se riprenderemo sicuramente darò il massimo per la salvezza. 

Non ho alcun dubbio sulla scelta di Gattuso, perché è un uomo leale, diretto, ha grandi valori e sa sfruttare al meglio le qualità di ogni singolo giocatore e non lo dico per amicizia, ma perché è un uomo e un allenatore vero.

In quattro anni a Napoli ho fatto tante belle parate ma anche tante papere (ride, ndr), se proprio devo sceglierne qualcuna, dico quella a fine partita in casa con l’Inter e quella contro la Roma all’Olimpico.

Qualcuno mi ha rimproverato per essere andato al Milan, ma avevo il contratto in scadenza che non sarebbe stato rinnovato e ho fatto una scelta che andava bene sia alla mia famiglia che al sottoscritto. Comunque, a prescindere dalla scelta che avrei fatto, nessuno avrebbe mai potuto mettere in dubbio il rispetto che ho avuto e avrò sempre per i napoletani e per quei colori.

Ricordo bene la sera prima di Fiorentina-Napoli, siamo rimasti desolati vedendo Inter-Juve e il giorno dopo, in seguito all’espulsione di Koulibaly, abbiamo perso la partita e forse, lo scudetto. Ma nessuno potrà mai cancellare quanto abbiamo fatto di grande e di bello in quella stagione.

La situazione del Napoli somiglia tanto a quella del Liverpool che ha dovuto attendere tantissimo per rivincere la Premier League, sono sicuro che prima o poi, toccherà agli azzurri riassaporare lo gioia per la vittoria di uno scudetto.

I tre portieri del Napoli sono tutti bravissimi e lo dicono i fatti, poi toccherà sempre all’allenatore fare le scelte che ritiene più opportune.

Sogno di diventare allenatore e spero di diventarlo, ma devo imparare tantissimo, certamente mi piacerebbe allenare il Napoli, ma bisogna essere molto bravi per farlo, se non ci riuscirò, pazienza”.

Notizie Calcio Napoli