Repubblica - Un esercito di 1200 violenti dietro la guerriglia scatenata in città

28.10.2020
11:50
Redazione

Guerriglia in città

Ultime calcio Napoli - L'edizione odierna del Repubblica si sofferma sull'inchiesta portata avanti dalla procura sugli scontri a Napoli durante la protesta contro il possibile nuovo lockdown. Dal quotidiano si legge:

Un esercito di mille, forse addirittura 1200, violenti si è impossessato della piazza e ha scatenato gli incidenti sul lungomare di venerdì sera. È stata un’azione organizzata, quella che ha trasformato in guerriglia urbana una manifestazione nata con l’intenzione di protestare pacificamente contro i contraccolpi della pandemia

sulle attività commerciali. Lo confermano le immagini realizzate dall’alto e acquisite dagli investigatori che stanno dando la caccia ai registi degli scontri. In campo una miscela di ultras, destra estrema, antagonisti di sinistra e camorra. Nei video si vedono i facinorosi muoversi secondo uno schema collaudato, tutt’altro che causale. Ad esempio quando chiudono i varchi d’accesso di alcune strade per ostacolare la reazione delle forze dell’ordine e colpire indisturbati. Commercianti, ristoratori e piccoli imprenditori che invece erano scesi in piazza senza alcuna intenzione di creare problemi all’ordine pubblico, si sono ritrovati isolati.

Notizie Calcio Napoli