07.12.2018
10:30
Redazione

Ronaldo: "Rigore Juve-Inter 1998? Fu una vergogna, lo dissi già quel giorno e non sapevo ancora tutto il resto. Vigilare per farsi rispettare è giusto: fare le vittime no"

Ronaldo Luiz Nazario da Lima, conosciuto semplicemente come Ronaldo, ha rilasciato alcune dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport: "Cristiano per la Juve è un enorme valore aggiunto, ma non avrebbe mai scelto la Juve se non avesse calcolato di arrivare in una delle squadre più forti d’Europa. Io quando scelsi l’Inter avevo una missione molto meno immediata di quella di provare a vincere subito la Champions. Me la diede Moratti: far diventare l’Inter una grande squadra, aiutarla a tornare ai livelli della squadra di suo padre. E un po’ più grande, soprattutto a livello di immagine, era diventata. Contatto con Iuliano nel 1998? È passato così tanto tempo e ne abbiamo parlato talmente tante volte... Vent’anni giusti, già: una vita. Fu una vergogna, lo dissi già quel giorno e non sapevo ancora tutto il resto, ma erano anche altri tempi per il calcio italiano: vigilare per farsi rispettare è giusto, fare le vittime no"

Le Ultime Notizie