IL GIORNO DOPO Sassuolo-Napoli: la ripresa oscena e imbarazzante, il calcio a 5 di Insigne e l'astruso motivo di Spalletti

02.12.2021
16:20
Redazione

L'analisi di Sassuolo-Napoli

Il giorno dopo Sassuolo – Napoli. Bruciano, eccome se bruciano ancora i due punti gettati letteralmente alle ortiche ieri sera al cospetto di un Sassuolo apparso modesto e svogliato che neanche sembrava avere la voglia di credere nella rimonta. Voglia ed entusiasmo glieli ha conferiti il Napoli con una seconda parte della ripresa a dir poco oscena e imbarazzante.

Ultime notizie Napoli

Il giorno dopo Sassuolo – Napoli. Il primo tempo era scivolato via senza infamia e senza lode. Gli azzurri non rischiavano nulla ma, di contro, costruivano pochissimo. Zielinski calciava in curva da ottima posizione e Insigne ci provava con una puntata da calcio a 5. tanto possesso palla, squadra alta e nell'atteggiamento propositiva. Ma ritmo blando e tanta sufficienza in troppi elementi.

Il giorno dopo Sassuolo – Napoli. Diverso l’approccio nella ripresa. Squadra almeno venti metri più sopra, ma con maggior convinzione e cattiveria. Furbo e feroce nel pressing Mertens che ruba palla ai sedici metri avversari. Zielinski confeziona l’assist per Fabian Ruiz che fulmina Consigli. Gli emiliani accusano il colpo. Pochi giri di lancette e ancora Mertens protagonista: aggancia da par suo un pallone in area e lo piazza nell’angolo lontano. Sembra fatta, anche perché, il Sassuolo fino a quel momento, non aveva fatto assolutamente

nulla.

Il giorno dopo Sassuolo – Napoli. Al minuto 66 svolta sfortunata e folle. Si infortuna Fabian Ruiz. Il Napoli perde tanta qualità in mezzo al campo. Per un qualche astruso motivo, Spalletti decide di effettuare un doppio cambio.  Fuori anche Mertens, altra qualità. E già nell’intervallo era rimasto negli spogliatoi Insigne. Al posto del terribile belga, un impalpabile Petagna. Per completare l’“opera “, dopo poco, richiama anche Lozano. Il Napoli resta con una prima linea formata da Politano, Elmas e Petagna. Per caratteristiche tre elementi che non piazzerebbero una ripartenza neanche in favore di vento. Forse gli azzurri, allenatore in primis, avevano pensato di averla già vinta. La squadra si è terribilmente abbassata. Gli emiliani hanno preso coraggio e campo e negli ultimi venti minuti, hanno rimesso in piedi una partita che avevano pensato di aver già perso. E se non fosse stato per il VAR, gli azzurri si sarebbero ritrovati senza neanche quel punticino che, comunque, sa tanto di mezza sconfitta. Sarà un campionato che si deciderà punto a punto. E ieri il Napoli, alla fine, ne ha guadagnato uno e ne ha persi due.

Il giorno dopo Sassuolo - Napoli. Dopodomani si torna in campo. Al Maradona arriva l’Atalanta. Si farà la conta degli infortuni e degli arruolabili. E si spera che si faccia anche tesoro degli errori di ieri sera.

Stefano Napolitano

Notizie Calcio Napoli