Di Caro Gazzetta

Gazzetta, Di Caro: "Sosta ideale per il Napoli. Rivale Scudetto? Dico Juventus per un motivo"

11.11.2022
18:10
Redazione

Corsa Scudetto, l'analisi sul Napoli da parte di Andrea Di Caro della Gazzetta dello Sport

Notizie Napoli calcio. A Radio Crc nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Andrea Di Caro, vice direttore della Gazzetta dello Sport

Gazzetta, Di Caro sul Napoli

“Quando una squadra come la Juventus o il Milan ha tanti punti di distacco non può permettersi passi falsi. C’è un elemento che fa pensare che la Juve possa tornare ad essere pericolosa: ha fatto crescere giovani che se avesse avuto i titolari non avrebbe mai fatto giocare. A gennaio avrà la possibilità non solo di recuperare i titolari, ma anche di avere una rosa allargata e poter quindi gestire campionato ed Europa League. Se poi riuscirà anche a recuperare il gioco potrà essere un’alternativa al Napoli. Al momento, dico che l’unica alternativa del Napoli è solo il Napoli. La sosta arriva al momento ideale anche per gli azzurri perché è vero che giocano bene, ma la stanchezza arriva e riposare per poi ripartire con grande forza credo sia un’arma in più. 

Chi dovrà temere il Napoli per lo scudetto? La Juventus, se continua così. La squadra bianconera ha conosciuto una crisi importante, tanto da mettere in discussione Allegri, ma ha 7 punti in più rispetto all’anno scorso. Certo, non è ancora convincente dal punto di vista del gioco, ma sono mancati tanti giocatori. Ha dei margini che ancora non conosciamo, non è detto che possano bastare. 

E’ difficile immaginare oggi un calo del Napoli tale da poter modificare tutto durante lo stop del Mondiale. Non vedo questo pericolo, ma è chiaro che oggi il Napoli vive un momento di perfezione dal punto di vista tecnico, tattico, di lucidità e se tra due mesi non cambierà nulla non ci è dato saperlo. La principessa non può diventare una strega per cui il valore del Napoli non credo possa cambiare radicalmente, ma si interrompe un momento di magia. 

La Juventus per storia deve poter credere alla rimonta e lo deve anche raccontare per caricarsi. Il Napoli invece non credo sia superstizioso, ma non parlare di scudetto fa sorridere. C’è però una cosa: l’anno scorso Spalletti aveva cominciato a caricare l’ambiente Napoli, ma quella strategia di comunicazione non funzionò. Ogni volta che esagerava nelle parole, poi arrivava lo scivolone e l’intoppo. In questo momento, Spalletti credo voglia cavalcare l’euforia tecnico-tattica senza dare troppo pressioni. Il Napoli dovrà continuare a giocare un po' libero di testa e sarà anche compito di Spalletti non mettere troppa pressione”.

Notizie Calcio Napoli