10.05.2018
19:30
Claudio Russo
Aurelio De Laurentiis (Roma, 24 maggio 1949) è un produttore cinematografico, imprenditore e dirigente sportivo italiano, titolare della Filmauro, presidente del Napoli

"Il progetto Napoli continuerà alla grande": De Laurentiis ed un futuro già tracciato. Con tanto di tressette e scopone

Aurelio De Laurentiis, come si suol dire in gergo giornalistico, non termina mai sullo zero a zero. Un titolo lo dà sempre, con ogni dichiarazione che fa. Anzi, spesso ne dà più di un uno e qualche volta va fin oltre le righe. Nel giro di una settimana, tra le interviste ai media selezionati e la presentazione del ritiro di Dimaro-Folgarida (in attesa del viaggio in Inner Mongolia, Aurelio dixit), ci sono tante dichiarazioni da stampare e tenere bene in mente per il futuro.

LA VOLONTA' SUL FUTURO

Il Napoli va oltre i singoli, che siano giocatori oppure allenatore. Non lo scopriamo certo oggi, anzi. Da Mazzarri a Sarri, passando per Benitez. Si va d'amore e d'accordo fino alla fine dei rapporti: certo, con tanti punti interrogativi e diversi errori da una parte e dall'altra. Il Napoli va oltre, quantomeno il progetto che ha in mente De Laurentiis. Il futuro di Maurizio Sarri, le tre settimane che mancano alla scadenza della validità della sua clausola da otto milioni di euro, è il tema principale e lo sarà fino a quando non verrà detta la parola fine sulla vicenda. 

Ascoltando De Laurentiis, la volontà - a parole - sarebbe quella di tenerlo ("

A Dimaro spero ci sia anche quest'anno") senza tuttavia evitare stoccate ("Noi abbiamo vinto anche negli anni scorsi con giocatori di livello minore rispetto a quelli di oggi. Con Mazzarri pure siamo diventati secondi in campionato, anche con Benitez abbiamo vinto", "Il produttore, se fa bene il suo lavoro, è più importante del regista. E ci sono dei casi di registi blasonati che hanno fatto di testa loro ed hanno floppato").

Dovesse rimanere Maurizio Sarri in panchina, si continuerà sulla falsariga del triennio che va concludendosi. Magari con qualche ricambio fisiologico all'interno della rosa. Dovesse arrivare qualcun altro tra panchina e squadra, la strada è tracciata e l'ha detto abbastanza chiaramente De Laurentiis: "Il progetto Napoli continuerà alla grande". Un Napoli competitivo, insomma. Non può che essere così, deve esserlo. Non si può andare contro le proprie parole, perciò meglio tenerle sempre in mente. In caso contrario, altrimenti, ci si potrà dedicare ai tornei di tressette e scopone scientifico tra giornalisti e residenti di Dimaro-Folgarida. D'altronde, a dirlo, è stato sempre De Laurentiis.

di Claudio Russo - Twitter @claudioruss

RIPRODUZIONE RISERVATA

Le Ultime Notizie