plusvalenze juve

Plusvalenze Juve, perquisizione della Guardia di Finanza: l'ipotesi di accusa dei pm ad Agnelli

27.11.2021
09:40
Redazione

Accusati di falso in bilancio, indagati Agnelli, Paratici e Nedved: nel mirino le plusvalenze della Juventus

Nella serata di ieri la Guardia di Finanza ha perquisito la sede della Juventus. Nel mirino delle indagini ci sono le tanto chiacchierate plusvalenze del club bianconero e i movimenti di mercato degli ultimi tre anni juventini che  sono diventati ipotesi di accusa della Procura di Torino.

Secondo quanto si legge dal Corriere della Sera, per false comunicazioni delle società quotate ed emissione di fatture per operazioni inesistenti sono indagati il presidente Andrea Agnelli, il vice, Pavel Nedved, l’ex direttore sportivo Fabio Paratici.

Juventus indagata

Secondo le prime risultanze investigative, si parla di oltre 50 milioni di euro per le prime due stagioni sotto l’occhio delle Fiamme gialle.

Si tratta di una materia complessa e complicata, sulla quale già altre volte la magistratura ordinaria si è imbattuta, scontrandosi poi con la difficoltà di stabilire — con perizie — un valore assoluto ai singoli giocatori, oggetto invece di diverse valutazioni da parte dei singoli club. E, quindi, di plusvalenze. Quelle che, nell’ipotesi di accusa dei pm torinesi, potrebbero aver configurato reati.

In particolare, i finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Torino sono stati incaricati di reperire documentazione ed altri elementi relativi ai bilanci approvati negli anni dal 2019 al 2021: con riferimento sia alle compravendite di diritti alle prestazioni sportive dei giocatori, sia alla regolare formazione dei bilanci.

Notizie Calcio Napoli