Ibrahimovic-Napoli, Corbo: "Macchè! A questa squadra serve subito l'indispensabile, un terzino decente"

28.10.2019
08:00
Redazione

Calcio mercato Napoli le ultimissime oggi sull'ipotesi Ibrahimovic. L'editorialista di Repubblica ANtonio Corbo ne sconsiglia l'acquisto e opta per l'arrivo di un terzino

Calciomercato Napoli, l'editoriale di Antonio Corbo su Repubblica all'indomani dell'ennesimo pareggio degli azzurri a Ferrara contro la Spal 1-1

Ibra Napoli, Corbo consiglia un terzino

Sembrava tutto terribilmente facile. Juve e Inter che perdono due punti, solo un pari con Lecce e Parma, meglio di così? Il Napoli non sente fino in fondo la responsabilità di dover vincere, crede di essere guidato sabato come ieri da buone stelle, a Ferrara con la penultima è già in vantaggio dopo 8 minuti, sembra che Milik non si fermi più, e con il bomber anche la sua squadra, sempre a mezz’aria tra guerra e pace. Ma la nona è la giornata dei grandi inganni, ed il Napoli pesantemente rovina sulle sue illusioni. Può essergli ancora di conforto quel rigore concesso dall’avvocato romano Federico La Penna, che poi ritratta su segnale via radio del barese Luigi Nasca, anziano collega al Var. Ecco, si può discutere sul rigore visto e svanito, è una decisione al limite secondo le nuove regole, il braccio destro di Vicari è colpito dal tiro ravvicinato di Mertens, lo stesso arbitro La Penna a pochi passi non ha dubbi prima di pentirsi, ma riparlare all’infinito di quel rigore (minuto 38) è un diritto da lasciare solo agli oziosi. Vi rinuncia anche il saggio Ancelotti. Come per Juve e Inter, c’è una verità facile da insabbiare, ma a chi giova? L’Italia, quarta potenza del calcio europeo, non ha squadre che agilmente possano vincere nell’aspra serie A e in Champions senza tradire fatica. Ancora peggio per il Napoli che firma in estate il patto scudetto con i suoi tifosi. Sulla loro pelle brucia ora come frustate il quarto posto a 6 punti da una Juve irrisolta, a 4 da un’Inter che già chiede al colosso cinese con sette miliardi di fatturato un’altra cascata milionaria di euro a gennaio, a 3 dall’Atalanta che in Champions prende botte dal Manchester City e si rifà sulla piccola Udinese. L’avvilente pari di ieri si spiega in tre concetti. Primo, ha una dimensione tecnica inferiore a Juve e Inter. Poi, non sempre riceve dalla panchina certe magiche ispirazioni, come talvolta accade. Il Napolli è infine un po’ fragile se per sostituire Ghoualm fa giocare a sinistra il destro Di Lorenzo, se scopre in ruoli chiave della difesa un Koulibaly opaco come nell’anno di Benitez e al posto di Albiol quel Manolas che sparisce se solo immagina una Croce Rossa, se nel doveroso turnover punta su Elmas che prometteva tanto un mese fa e riappare ieri senza memoria, se nel disperato assalto finale con tre difensori, due mediani e 5 attaccanti trova un mansueto Llorente per il più goffo e molle colpo di testa, un tiro che doveva dare i tre punti. Il presidente rivela di aver parlato con il trentottenne

Ibrahimovic, magari in America lo incontrerà ancora. Bastano due anni dell’ingaggio stratosferico di Ibra per comprare a gennaio l’indispensabile: un terzino decente.

Notizie Calcio Napoli