Venerato a CN24: "Boga, sarà sfida tra Juve e Napoli. Addio di 7/8 azzurri a fine anno. Le alternative ad Ancelotti sono Spalletti e Gattuso"

02.12.2019
14:20
Redazione

Napoli su Berge del Genk. Vignato e altri calciatori nel mirino del Napoli calcio. Spalletti e Gattuso non accetteranno il contratto di 6 mesi proposto da De Laurentiis

Calciomercato Napoli - Ciro Venerato, giornalista RAI ed esperto di mercato, è intervenuto ai microfoni di CalcioNapoli24 Live, programma in onda su CalcioNapoli24 Tv, canale 296 del DTT. Ecco quanto dichiarato:

Berge

"Allan? Il Napoli gradirebbe la pista estera per non rinforzare una concorrente. Solo Inter e Juventus avrebbero la forza per prenderlo. Il Napoli fino a giugno non vuole venderlo, così come non vuole vendere a gennaio tutti i giocatori forti in bilico. Boga è un nome che ho anticipato io, piace allo scouting del Napoli. Voglio vedere a chi non piace... è già un potenziale campione. A gennaio non se ne parla nemmeno. Duello a giugno con altre società: piace a Sarri ma anche al Napoli. Bisogna capire cosa succede sulla panchina del Napoli. A giugno non sarà Ancelotti l'allenatore. Ci sarà rifondazione a fine anno. Partiranno almeno 7-8-9 calciatori ed il Napoli attingerà soprattutto dai giovani. Boga è uno di questi, può diventare un top player internazionale. Interessa anche Berge, Vignato del Chievo Verona; a Brescia il Napoli guarda Cistana e Tonali. Se arriverà un tecnico che gioca a tre a centrocampo, il Napoli proverà a prendere il giovane talento del Brescia provando ad anticipare Inter e Juventus. Il Napoli vorrebbe rifondare con un allenatore capace di far crescere i giovani. Il Napoli vuole andare avanti fino a giugno con Ancelotti, ma se non dovessero arrivare i risultati il Napoli non potrebbe prendere un traghettatore. Tutte le esperienze precedenti e con i traghettatori non sono finite positivamente. Le chances sul mercato sarebbero due. Una è Spalletti che viene da un'annata negativa e che ha già rifiutato il Napoli in passato. Gattuso? De Laurentiis lìha conosciuto a Capri al compleanno di Ancelotti ed i due si sono subito piaciuti. Rispetto a Spalletti la sua annata al Milan ha evidenziato i pregi del tecnico. Entrambi non accetterebbero mai un contratto di sei mesi. A giugno potrebbero esserci ulteriori alternative. 

Venerdì i calciatori hanno detto a De Laurentiis di voler pagare solo il 5% delle multe. Il patron ha concesso, però, premi importanti ai calciatori. Bisogna dire che l'arbitraggio di ieri è stat negativo: il gol di Skov Olsen era da annullare per un fallo su Maksimovic e c'era un rigore solare su Manolas. Questo Napoli ha evidenti limiti tattici e di personalità: è una squadra difficile da gestire per chiunque, non solo per Ancelotti. Molti calciatori sanno di dover andar via a fine stagione. Callejon? Suppongo non sia una scelta tecnica tenerlo fuori. Può succedere che non giochi per questo, è ovvio che Ancelotti non può dirlo pubblicamente. Ci sono anche tematiche tattiche importanti: è vero che il primo gol del Bologna è viziato da un fallo di Maksimovic ma c'è stato un pasticcio dei difensori centrali. Questo fa capire che la squadra in questo momento ragiona poco. Senza Allan non si può giocare a due, il rischio contropiede del Bologna c'era".

Notizie Calcio Napoli