Malfitano: "Se la bara di Maradona fosse stata a Napoli...altro che milione di persone. La città si sarebbe triplicata"

26.11.2020
15:33
Redazione

Malfitano parla della morte di Maradona

Diego Armando Maradona - A Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli, è intervenuto Mimmo Malfitano, giornalista della Gazzetta dello Sport. Ecco quanto evidenziato da CalcioNapoli24.it.

"Ieri sera sono andato a letto tardissimo, sul giornale abbiamo scritto 25 pagine su Diego e stamattina alle 6 ero già sveglio per leggere le ultime. La grandezza di Diego è racchiusa nei messaggi di affetto che arrivano da tutto il mondo. Diego è stato amato, ha saputo diffondere amore. Il fatto che in Argentina, a Buenos Aires, ci siano un milione di persone in fila per rendere omaggio a Maradona.è un segnale importante. Se Diego fosse stato qui in quella bara che cosa sarebbe successo? Napoli sarebbe andata oltre il milione perchè la passione dei napoletani è qualcosa di straordinario. Incocciati fu il primo rifugio italiano

di Maradona che andò a Fiuggi ospite di Beppe. Il 70% del giornalismo sportivo napoletano deve la sua crescita a Diego Maradona ed io sono uno di quelli, beneficiati della sua presenza a Napoli. Con la sua venuta gli editori iniziavano a capire che Napoli sarebbe diventata in fretta una piazza esplosiva e l'editoria nazionale iniziò ad investire sul territorio napoletano. Amava i bambini, il suo animo era buono nonostante fosse un cocainomane ed un perverso. Ricordo di una partita giocata al San Paolo tra i giornalisti napoletani ed una rapprestazione atrgentina rappresentata da Maradona. Lui giocava da libero e non poteva superare la metà campo, io facevo l'attaccante e Gianfranco Lucariello mi disse 'Mimmo, stai su Maradona e riempilo di calci'. Io gli dissi che non l'avrei fatto, ma solo perchè era impossibile prenderlo. Fu una partita divertentissima, perdemmo 7 a 1, il goal dei giornalisti lo segnai io e ricevetti anche il cinque di Diego". 

Notizie Calcio Napoli