Montervino: "Il Napoli non è quello del tiki taka, ma è cinico. Milik? Grandissimo giocatore. Insigne? Giocate alla Totti ma si assuma la responsabilità"

21.10.2019
23:00
Redazione

Ultime calcio Napoli - Francesco Montervino ha parlato in 'Ne parliamo il lunedì' in onda su Canale 8:

“Ancelotti ha il dovere di fare delle scelte. Non c'è più da perdere tempo, non si deve andare oltre, serve dare una stabilità almeno di 8 calciatori su 11. Lanci lunghi? Qualche problema, delle volte, viene dal fatto che non si butta via la palla. Un errato rilancio di Allan, però, fa ripartire il Verona che crea una ghiotta occasione. Il Napoli non è quello del tiki taka, ma è cinico o prova a diventarlo. Ha qualche sbavatura perchè non ha ancora una squadra fissa. Quando sarà risolto questo problema, allora la crescita sarà totale. L'aspetto mentale per certi calciatori è importante: Milik è stato fuori due anni, al primo anno utile ha fatto 20

gol e nessuno se li aspettava. Il secondo gol è importante: lui col mancino deve inarcare l'anca e aprire il compasso per colpire. Quei centimetri li sta trovando ora nell'impulso mentale. Va aspettato, è un giocatore fortissimo. Malcuit? La sua partita non è stata eccezionale, magari col Salisburgo potrebbe giocare Luperto a sinistra. Se Allan fa il play, allora giocherei con tre centrocampisti oppure con Zielinski a sinistra. Per fare gol, il Napoli deve avere densità in area di rigore, è per questo che penso che si debba giocare a 2, Milik più un altro attaccante. Insigne ha qualità incredibili, giocate che ho visto fare solo a Totti. Può togliersi dalla sinistra e giocare da rifinitore. Insigne è il capitano del Napoli, deve prendersi la responsabilità anche nello spogliatoio. Gli condanno che delle volte non ha atteggiamenti da capitano”.

Notizie Calcio Napoli