Murales ultras contro l'Head of operations SSC Napoli per il caro biglietti

03.02.2020
18:20
Redazione

Il prezzo dei biglietti per la super sfida contro il Barcellona di Champions League ha fatto tanto discutere i tifosi del Napoli . In questi giorni all'esterno dello Stadio San Paolo è apparsa una scritta su un muro dove è stato preso di mira il dirigente azzurro Alessandro Formisano che pochi giorni fa ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli per motivare la scelta di questi prezzi alti. Scritta che è stata poi rimossa. Queste le parole dell'Head of Operations alla radio ufficiale:


“Quando abbiamo giocato con il Real Madrid abbiamo avuto una forchetta di prezzi che nella fascia più alta prevedeva gli stessi identici prezzi applicati con il Barcellona. C’era una differenza, è vero. In quel caso potemmo applicare una tariffa più economica per chi acquistava con un certo anticipo i tagliandi, scommettendo anche sull’interesse che poteva avere la gara di ritorno al San Paolo, visto che si giocava la prima partita al Bernabeu”.“Questa cosa stavolta non è stata possibile per un motivo che è sotto gli occhi di tutti. Noi dal 6 gennaio al 26 gennaio abbiamo giocato in casa ben 5 volte nell’arco di 20 giorni: con Inter, Fiorentina, Perugia, Lazio e Juventus. Si comprenderà bene che già vendere 5 gare contro anche squadre prestigiose è abbastanza difficile perché l’offerta che fai ai tifosi è circoscritta e ristretta in pochi giorni". “I nostri abbonati, essendo fidelizzati, hanno la possibilità di acquistare con prelazione i biglietti del match contro il Barcellona evitando di fare le file, entrando serenamente in una ricevitoria e comprare il biglietto per il proprio settore di appartenenza. Però voglio evidenziare un aspetto che probabilmente i giornali e molti operatori media non sono riusciti a cogliere. Qui c’è un tema che voglio introdurre quale tema oggettivo e non soggetto a interpretazioni soggettive. E riguardo questo tema, aggiungo, che nessuno deve assumersi la paternità di ciò che sto dicendo perché il Napoli ha sempre adottato questa politica che vado ad enunciare. Oggi posso anticipare che, non appena avremo la certezza della data in cui si giocherà la partita da parte della Lega, i prezzi della semifinale di Coppa Italia Napoli-Inter, per tutti gli abbonati, saranno gli stessi applicati per il quarto di finale contro la Lazio, ovvero 5 euro per le Curve, 10 euro per i Distinti e Nisida e 14 euro per la Tribuna Posillipo”.“Quindi, quando parlo di dati oggettivi dico: noi abbiamo giocato contro la Lazio in Coppa Italia e la Curva costava 5 euro. Ora se un abbonato comprerà la Curva col Barcellona a 70 euro e successivamente quella contro l’Inter a 5 euro, il costo globale fa 80 euro. Questo significa che un tifoso fidelizzato avrà la possibilità in un breve arco di tempo di assistere a tre partite di cartello ad un prezzo medio per la Curva di 26.66 Euro”.“Oggi un tifoso azzurro non rinuncerebbe certo a vedere la semifinale di Coppa Italia. E noi con questa promozione abbiamo premiato la fedeltà degli abbonati, che probabilmente anche senza un prezzo speciale sarebbero comunque andati allo stadio. Anche da un punto di vista strettamente di marketing, oltre che emotivo, ha molto più senso premiare coloro che al San Paolo ci vengono sempre e non solo nelle grandi occasioni. La Società preferisce che l’abbonato sia premiato sotto un punto di vista di continuità affinchè abbia facilitazioni per poter seguire sempre la squadra e non solo per appuntamenti di richiamo”. “Se la Società offre la possibilità di seguire tre partite di assoluto livello ad un prezzo medio di 26 euro significa dare la possibilità ad un tifoso fidelizzato di essere presente ad un costo moderato in tutte le gare. Stesso dicasi per gli abbonati del Settore Distinti. Con la Lazio costavano 10 euro, col Barcellona costano 130 e con l’Inter costeranno nuovamente 10 se sei abbonato. Quindi siamo ad un prezzo medio di 50 euro per 3 partite di cartello, il che mi sembra un prezzo per il quale nessuno si sarebbe dovuto scandalizzare. Noi stiamo semplicemente premiando gli abbonati”.“A questo aggiungiamo che nella gara con la Lazio abbiamo dato la possibilità di acquistare a prezzo ridotto i biglietti di Curva e Distinti anche a coloro che, pur non essendo abbonati, avevano acquistato il biglietto della gara contro la Juve, non certo contro una squadra di terza serie. In sintesi, abbiamo deciso di fare un leggero scalino per fare in modo che gli abbonati siano chiaramente privilegiati”.

“Ribadisco che il Napoli ha applicato la stessa logica sempre negli ultimi dieci anni per favorire gli abbonati in Coppa Italia, o applicando prezzi simbolici, come quello di 5 euro, o con prezzi fortemente concorrenziali.  Quindi diffido tutti dal dire che questa è una politica nata dalle proteste. Le proteste dispiacciono perché purtroppo molti organi di informazione, lo dico con umiltà, sono stati pervasi dal pregiudizio e non si sono accorti che bastava fare semplici conti tenendo presente la media dei prezzi anche solo delle gare con Lazio e Barcellona”. Queste le parole di Formisano sul prezzo dei biglietti per Napoli-Barcellona che rappresentano una mano tesa agli abbonati ma anche a coloro che frequentano lo stadio.

Notizie Calcio Napoli