Ripetiamolo: non sarebbe il sostituto di Fabian

09.06.2021
11:00
Claudio Russo

Pensare che Basic, o Thorsby, possano rappresentare il sostituto di Fabian nel Napoli non corrisponde alla realtà dei fatti

di Claudio Russo (@claudioruss)

Frase da tenere bene in mente, da ripetere all’infinito prima che partano i primi mugugni: che sia Toma Basic, Morten Thorsby o altri nomi, questi non saranno i sostituti di Fabian. È un concetto molto semplice, perfino banale, ma basta farsi un giro tra i tifosi, social o reali, per capire che la delusione della mancata Champions League - con relativo codazzo di teorie degne dei negazionisti -, porti a fare pensieri poco attinenti alla realtà.

Il Napoli, nella mediana a due propria del 4-2-3-1 di Luciano Spalletti, avrà bisogno - per ora - di un sostituto di Tiémoué Bakayoko, che rientrerà al Chelsea per fine prestito. Un centrocampista alto e forte fisicamente, ma che non difetti nemmeno in rapidità nel recupero palla e velocità nella gestione del palleggio. E che, soprattutto, così non più di dieci milioni di euro circa. In fondo l’identikit del rinforzo che il Napoli cerca per sostituire Bakayoko - costato tra prestito ed ingaggio più o meno cifre simili - è sostanzialmente questo. Sia Basic che Thorsby si aggirano attorno al metro e novanta di altezza, fisicamente possono farsi valere sui palloni

alti e sotto porta (4 gol il croato del Bordeaux, 3 il norvegese della Sampdoria), e potrebbero completare un reparto che vede già la presenza di Fabian, Demme e Lobotka (sul quale Spalletti punterà, così quantomeno capiremo il suo effettivo valore: i 20 milioni di euro spesi per acquistarlo necessitano spiegazioni).

Ricapitoliamo: i Basic ed i Thorsby non sarebbero i sostituti di Fabian, ma di Bakayoko. È molto semplice comprenderlo, un filo più difficile accettarlo. Se poi arrivasse una cifra blu per Fabian, diciamo superiore ai 50 milioni di euro - che in tempi di Covid, senza Champions League, rappresenterebbero il Superenalotto -, è chiaro che il Napoli si troverebbe nella posizione di dover acquistare necessariamente un centrocampista di maggiore levatura e, giocoforza, prezzi più alti. D’altronde l’idea di sostituire Bakayoko con i Basic ed i Thorsby porta di fatto al pensiero di un sostituto eventuale di Fabian dal lignaggio, dal talento - e dal costo, cartellino ed ingaggio - di certo maggiore. È un concetto molto semplice, banale come detto all’inizio: però va inculcato per bene.

Notizie Calcio Napoli