La Corte d’Appello di Napoli conferma l’ingresso gratuito dei minori under 14 allo stadio: rigettato l'appello della SSC Napoli

25.06.2021
19:20
Claudio Russo

Napoli, rigettato appello per gli under 14

Napoli Calcio - La Corte d’Appello di Napoli rigetta l’appello proposto dalla SSC Napoli e, con sentenza n. 2273/21, conferma la corretta interpretazione dell’art. 11 ter della legge 41 del 2007 che imponeva alle società sportive, con impianti superiore a 7.500 posti, di riservare, per il 50% delle gare organizzate nell’anno, biglietti gratuiti ai minori di anni 14 accompagnati da un genitore o da un parente fino al quarto grado.

La SSC Napoli aveva impugnato l’ordinanza del Tribunale di Napoli rg. n. 30091/2017, emessa in un procedimento nel quale era intervenuta anche l’Asso-Consum, con la quale veniva ordinato alla società sportiva il rilascio di biglietti gratuiti per i minori under 14 per il 50% delle partite di campionato e coppe, anche europee, per l’anno 2018 organizzate dalla resistente e, anno dopo anno, per le successive manifestazioni sino al compimento del quattordicesimo anno di età dei minori.

La Corte d’Appello di Napoli ha confermato che l’iniziativa di rilascio di biglietti gratuiti under 14, per il 50% dei posti disponibili all’interno dello stadio dovrà

essere estesa a tutti i settori sino ad esaurimento della disponibilità.

La Corte ha precisato, quindi, che la norma di cui all’art. 11 ter della legge 41/2007 non crea alcun danno economico alla SSCN atteso che il legislatore non impone alcun limite all’emissione dei biglietti a pagamento e rimette alla società organizzatrice l’individuazione del 50% delle manifestazioni sportive organizzate, nelle quali prevedere l’agevolazione under 14.

L’avv. Erich Grimaldi, nel commentare la decisione della Corte d’Appello, ha precisato:

“La sentenza finalmente, dopo 4 anni di battaglie legali, conferma il diritto degli under 14 di accedere gratuitamente allo stadio, confermando, di fatto, che tutte le società di serie A hanno violato una legge, per oltre 10 anni, costringendo le famiglie ad acquistare i biglietti per i propri figli, spesso anche a prezzo intero. La decisione, dunque, avrà effetto nei confronti di tutte le società di serie A e B, con capienza superiore a 7.500 posti ed oltre a portare più bambini e ragazzi allo stadio, aprirà la strada a tante azioni risarcitorie per tutti coloro che sono in possesso di biglietti acquistati, per i minori, negli ultimi dieci anni”

Notizie Calcio Napoli