Fabian Ruiz - Napoli

Fabian Ruiz: "Vincere lo scudetto contro la Juve non è impossibile. Approccio difficile per la lingua. A Napoli ci fanno sentire di famiglia"

07.06.2019
13:20
Redazione

Fabian Ruiz, centrocampista del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di El Espanol spagnoli dal ritiro della sua Nazionale. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli24.it.

“Con il Napoli non abbiamo potuto vincere alcun titolo, ma abbiamo combattuto per tutto. Penso che abbiamo fatto una buona stagione. Personalmente è stato difficile perché ho cambiato paese e lingua, e alla fine con la fiducia del mister e l'aiuto dei miei compagni di squadra ho potuto godermi molto quest'anno. Il Napoli sta crescendo come club e stiamo facendo bene. Spero che la prossima stagione potremmo vincere un titolo. 

È impossibile vincere contro la Juventus in Serie A? 

Nel calcio nulla è impossibile. Il Napoli era ci è andato molto vicino l'anno scorso. Non sai mai cosa può succedere, ma è vero che la Juve ha ottimi giocatori e che è un grande club. Spero che possiamo crescere ancora per lottare fino alla fine. 

Quali grandi differenze hai notato tra Serie A e La Liga?

In Italia i club lavorano molto sulla tattica. Si basano innanzitutto sull'ordine e sulla difesa di squadra. I giocatori sono molto aggressivi e molto forti, penso che sia la sostanziale differenza. 

Com'è la vita di un andaluso a Napoli? Come è stato il tuo adattamento alla città?

È simile a Siviglia, il meteo è molto simile e la gente vive molto il calcio. Non ho notato molti cambiamenti. A Napoli vivono con tanta passione e solo per la squadra di calcio. I tifosi ci trattano come se fossimo dalla loro famiglia. Questo è molto importante per noi. 

Sei stato aiutato da Albiol nei primi mesi in squadra e in città? 

Quando sono arrivato, ha dovuto aiutarmi perché non potevo comunicare con nessuno, non capivo la lingua. Gli sono grato per il tuo aiuto. 

Com’è allenarsi con Ancelotti?

Molto bello, è stato un pilastro fondamentale per me. Sono arrivato giovane e da un altro paese, all'inizio ho avuto un brutto approccio. Si è fidato pienamente di me e ha iniziato a darmi tante opportunità. Ogni giorno mi dava consigli e cercavo di migliorarmi. Devo essere molto grato ad Ancelotti. 

Ti piacerebbe a fine carriera tornare al Betis?

L’ho già detto quando me ne sono andato: è casa mia e il mio club. È chiaro che quando smetterò vorrei farlo a casa e davanti alla mia gente". 

Notizie Calcio Napoli