Taglio stipendi, svincolo contrattuale, multe e danni per diritti d'immagine: i possibili scenari in casa Napoli [FOCUS CN24]

07.04.2020
19:43
Bruno Galvan

Il Napoli deve far fronte a molte situazioni

Ultimissime Napoli - In queste giorni si sta discutendo molto sulla possibilità di riduzione degli stipendi per i calciatori della Serie A e non solo. Su tutti gli organi d'informazione si è letto di possibili scenari che una Società oppure un calciatore hanno a disposizione per tutelarsi in questa vicenda molto delicata sotto l'aspetto economico-legale. Tra le eventualità ci sarebbe la messa in mora  se i club non provvedessero a saldare gli stipendi dopo il ventesimo giorno di ritardo dalla data mensile pattuita. Questo potrebbe comportare, qualora si costituisse un Collegio Arbitrale, anche ad uno svincolo contrattuale. vediamo ne dettaglio tutti gli scenari nel caso del Napoli, cosa accadrebbe visto che pendono multe e causa per diritti d'immagine post Salisburgo.

MESSA IN MORA E SVINCOLO

E' una situazione più teorica che pratica. La messa in mora è prevista se una Società dopo 20 giorni dalla scadenza del rateo mensile dello stipendio non ha provveduto al pagamento dello stesso. Per dare vita a questo meccanismo, deve costituirsi un Collegio Arbitrale.

Solo in tal caso si potrà avere lo svincolo. Diventa complicato immaginare in questo momento dove tutto è praticamente fermo, pensare ad una disputa legale di questo genere. Le Società dalla loro posso far valere la causa di forza maggiore per bloccare o ridurre gli emolumenti ai propri tesserati. In più ci sarebbe la questione etica: chi calciatore avrebbe il coraggio di chiedere lo svincolo approfittando di questa emergenza mondiale sanitaria?

CASO NAPOLI: MULTE, DANNI D'IMMAGINE E RIDUZIONE STIPENDI

Partiamo da una certezza: le trattenute per multe, la causa per i diritti d'immagine post ammutinamento e la riduzione stipendi sono tre aspetti perfettamente cumulabili tra di loro. Il Napoli, per salvaguardare i propri diritti, potrebbe spingere affinché si raggiunga un accordo collettivo ma non si esclude nemmeno la trattativa con ogni singolo calciatore come è avvenuta nella Juve. In tal caso, De Laurentiis potrebbe commisurare le sanzioni in rapporto alla riduzione dello stipendio. La battaglia legale nata dopo Napoli-Salisburgo è solo sospesa, ma la costituzione di un Collegio Arbitrale resta impresa molto ardua.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie Calcio Napoli