Coronavirus

San Raffaele di Milano, il primario Zangrillo: "Calcio a porte chiuse sicuro anche in Lombardia. Dalla prossima stagione, stadi pieni. Covid-19? Clinicamente inesistente”

01.06.2020
15:20
Redazione

Coronavirus, il primario Zangrillo lo dichiara

Ultime notizie. In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, è intervenuto Alberto Zangrillo, primario San Raffaele di Milano: 

“Non ho mai parlato di mutazione del virus. Non ho mai detto che il virus è scomparso. Il virus Covid-19 è clinicamente inesistente: c'è, ma non è in grado di produrre quella condizione che ha portato tante persone in terapia intensive. Perché è successo? Lo stiamo osservando. Da 40 giorni al San Raffaele di Milano, non è arrivato nessun malato grave. Questo non vuol dire che il virus è scomparso o mutato, ma ci fa ben sperare. È stato un virus che portato molti drammi, sono triste per i morti, per i loro congiunti, ma come scienziato devo dire la verità agli italiani. Detto ciò, non voglio che ci siano assembramenti, ma che bisogna continuare a comportarsi con buon senso, per dire di esserci liberati del virus. Chi dice che tornerà, è come se io dicessi "Il 7 dicembre a Milano potrebbe nevicare", certo potrebbe essere, ma anche no. La nostra speranza è che il Covid ci lasci in pace. Portare gente allo stadio? Con tutto il rispetto, mi piacerebbe parlare di bambini e scuole. Mi sento di dire che sarebbe bello vedere compatta la gradinata di Genova, ma credo sarebbe poco intelligente. Aspettiamo il prossimo campionato per gioire e divertirci. Giocare in Lombardia? E che problema c'è? Con lo stadio a porte chiuse non ci sono problemi a giocare. Preziosi? Siamo amici, il Genova non ha mai fatto tanto bene quanto nella sua Era. Ricciardi? Lo abbraccio con amicizia. Sa benissimo che a 62 anni, prima di dire qualcosa lasciandomi trascinare dall'enfasi, ci penso molto bene".

Notizie Calcio Napoli